Premio Europa per il Teatro Premio Europa per il Teatro Premio Europa per il Teatro Premio Europa per il Teatro
XI Edizione
Premio Europa per il Teatro
Salonicco, 26-29 Aprile 2007

Dal 26-29 Aprile 2007 si svolgerà a Salonicco la XI Edizione del Premio Europa per il Teatro, il più importante riconoscimento europeo dato al lavoro teatrale considerato nella sua accezione più ampia.

Dopo l'eco notevole suscitato dalla scorsa edizione ospitata dalla città e dal Teatro stabile di Torino, resa indimenticabile dalla presenza e dagli interventi di Harold Pinter, vincitore del Premio, quest'anno il Premio Europa per il Teatro si svolgerà a Salonicco, ospite del Teatro Nazionale della Grecia del Nord, organismo al quale il Ministero greco della Cultura, che finanzia la manifestazione, ha affidato l'organizzazione in Grecia dell'evento.

Il Premio Europa per il Teatro, nato nel 1986 come programma pilota della Commissione Europea e riconosciuto dal Parlamento e dal Consiglio Europeo quale "organizzazione di interesse culturale europeo", ha come organismi associati e sostenitori l'Union des Théâtres de l'Europe e la Convention Théâtrale Européenne; altri organismi associati sono l'Association Internationale des Critiques de Théâtre, l'Instituto lnternacional del Teatro del Mediterraneo e l'International Theatre Institute UNESCO.

La manifestazione dedica ai premiati, nell'arco di quattro giorni, convegni, incontri, dimostrazioni, spettacoli, letture, e video; un appuntamento che richiama gente di teatro da tutto il mondo: artisti, uomini di cultura, critici, giornalisti delle più importanti testate di tutti i paesi, docenti, direttori di teatri e di Festival.

La giuria internazionale del Premio Europa per il Teatro,
riunitasi a Torino, ha assegnato il riconoscimento per la XI Edizione ex-aequo a Robert Lepage e a Peter Zadek.

Robert Lepage
, nato a Québec City nel 1957, è uno dei registi più interessanti del teatro contemporaneo. L'approccio alla scena di Lepage, in effetti, non conosce barriere e integra con grande abilità elementi scenici e visivi, testi, musiche e nuove tecnologie. L'insieme di questi elementi forma un teatro segnato da una connotazione altamente visiva e tuttavia maturo, mai viziato da ridondanze o da una spettacolarità fine a se stessa.

Peter Zadek
nella sua lunga carriera, iniziata in Inghilterra e proseguita per oltre quaranta anni in Germania, ha innovato l'arte della regia teatrale sia lavorando direttamente sui testi con i "suoi" attori, sia attraverso un uso "concettuale" della regia. In questo modo egli ha trovato (e continua ancora a trovare) le sue visioni personali e degli impatti vividi in ogni pièce pur mantenendo sempre come principali "santi" ispiratori Shakespeare, Ibsen e Cechov.

Il premio Europa nelle passate edizioni è stato assegnato a: Ariane Mnouchkine e il Théâtre du Soleil, Peter Brook, Giorgio Strehler, Heiner Müller, Robert Wilson, Luca Ronconi, Pina Bausch, Lev Dodin, Michel Piccoli, Harold Pinter.

Il IX Premio Europa Nuove Realtà Teatrali è stato assegnato a Bjliana Srbljanovic e Alvis Hermanis.

Bjliana Srbljanovic,
drammaturga serba, è nata a Belgrado nel 1970. L'ironia e il profondo pessimismo di questa autrice, in realtà veicolano, provocatoriamente, un preciso impegno per affermare, partendo dalla Serbia, valori importanti nella costruzione di un nuovo e più ampio spazio culturale e politico europeo: la libertà, la democrazia, il rispetto delle diversità.

Alvis Hermanis
, nato nel 1965, attore, autore e scenografo dei propri spettacoli, è divenuto una figura di rilievo nel teatro lettone. I suoi spettacoli, spesso adattamenti da opere letterarie, da alcuni anni sono richiesti dai più importanti festival europei.

In precedenza il Premio Europa Nuove Realtà Teatrali era stato assegnato a: Anatolij Vasil'ev, Giorgio Barberio Corsetti, Comediants, Eimuntas Nekrosius, Théâtre de Complicité, Carte Blanche-Compagnia della Fortezza, Christoph Marthaler; il Royal Court Theatre di Londra per la scoperta e promozione di giovani autori, il Theatergroep Hollandia, Thomas Ostermeier, Socìetas Raffaello Sanzio, Heiner Goebbels, Alain Platel, Oskaras Korsunovas, Josef Nadj.

Chiuderà la manifestazione la cerimonia ufficiale di consegna dei premi che si terrà nella serata di domenica 29 aprile 2007.